Cerca nel portale

Redipuglia

Sacrario Militare di Redipuglia.

a cura di Giancarlo (Forum Nick: MULON)

E’ il più grande Sacrario Militare Italiano e venne realizzato su progetto dell'architetto Giovanni Greppi e dello scultore Giannino Castiglioni. Viene inaugurato nel 1938, custodisce le salme di 100.000 caduti della Grande Guerra.

Il “complesso” è situato sulle pendici del Monte Sei Busi, zona aspramente contesa nella prima fase della Grande Guerra. La disposizione è “strepitosa” se mi è concesso il termine,in quanto davanti a tutti c’è la tomba del Duca D’Aosta, comandante della III Armata, subito dietro ci sono le tombe dei suoi generali e quindi i gradoni con le salme dei Caduti.
Il tutto è disposto in modo tale come se la III Armata fosse ancora li, pronta a sostenere un’ attacco a difesa di queste terre. Commovente. Sui ventidue gradoni ci sono le salme dei 39.857 caduti identificati. In alto, proprio alla fine dei gradoni, in due grandi “ossari”, ed ai lati della cappella votiva, riposano le salme di 60.330 Caduti Ignoti. Nella cappella e nelle due sale adiacenti sono custoditi oggetti personali dei soldati italiani e austro-ungheresi. Questa opera di immani proporzioni e significati viene costruita di fronte al primo Cimitero di Guerra della III Armata sul Colle Sant'Elia che oggi è una sorta di museo all'aperto noto come Parco della Rimembranza. C’è inoltre un museo con vari cimeli della Grande Guerra bello e ben fornito. L’ingresso è gratuito.

Le mie impressioni personali.Ho diviso il servizio in capitoli ben distinti ed ho cercato di renderli il più esaustivi possibile. E’ ovvio che un “complesso” di questa portata non può essere riassunto da delle foto o da delle “fredde” didascalie. L’invito è quello di andarlo a visitare e di meditare sul suo significato. Io ogni volta che ci torno provo sensazioni nuove,profonde, difficili da descrivere.

Chiunque creda in alcuni valori quali la Patria,la Bandiera,o comunque un sentimento di amore per l'italianità intesa come valore aggiunto, penso abbia quasi l’obbligo morale di visitare questo“complesso”, dove gente di ogni dove che a volte non riusciva nemmeno a capirsi, ha dato la Vita per l’italianità di queste terre e per l’onore della nostra Patria.

1ª sezione - Il Sacrario -  alla galleria fotografica

2ª sezione - Il Monte -    alla galleria fotografica

3ª sezione - I Musei -      alla galleria fotografica

4ª sezione - Le Trincee - alla galleria fotografica